Porgo il mio benvenuto a tutti in questo luogo ove la Parola regna sovrana e la Mente é libera di formulare ogni pensiero e teoria. La Fortezza é il luogo ove poter discutere di cultura liberamente, nei campi che più ci appartengono. Entrate,e vedrete voi
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista utentiLista utenti  GruppiGruppi  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 La fortezza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Demian
Admin


Femminile Numero di messaggi : 123
Età : 26
Data d'iscrizione : 17.07.08

MessaggioOggetto: La fortezza   Mar Ago 19, 2008 10:51 pm

Si voltò e vide ciò che non avrebbe mai voluto vedere. La fortezza in cui viveva era attorniata dai cavalieri nemici, già pronti in posizione per sfondare tutte le porte attraverso cui si entrava nella fortezza.
Presa da enorme paura ma nello stesso tempo padrona di un coraggio di cui non si credeva capace, strinse i talloni e condusse al galoppo il suo cavallo, nero come la notte e forte come Ercole, verso la fortezza assediata. Nonostante il vento le frustasse il viso rigto da lacrime rabbiose e le fischiasse nelle orecchie, lei non sentiva nulla, vedeva soltanto il pericolo incombenete sulla sua fortezza.
In pochi minuti fu vicino alla fortezza assediata.
Rallentò il passo e cercò un punto dove poter sfondare per entrare nella sua fortezza e poels difendere degnamente, come si addice ad una persona del suo calibro. Improvvisamente uno squillo di tromba le comunicò l'inizio dell'attacco. Presa ormai dalla forza della disperazione, ignorando di essere soa e senza armi, si lanciò a tutta velocità in mezzo ai cavalieri, armati di tutto punto, con gli stessi elmi e armature; questi, sorpresi della sua comparsa e dalla sua velocità, si scostarono stupiti, senza rendersi conto di contravvenire agli ordini.
Le sentinelle, vedendo arrivare la loro Dama, in pericolo e disperata, ignorarono il pericolo e all'ultimo istante aprirono le porte per lasciarla passare a farla così tornare nella sua fortezza, sicura e protetta.
Quando finalmente frenò la sua corsa disperata, si girò verso le porte pesanti e ormai chiuse e serrate. Solo allora si rese conto dell'azione avventata e altamente rischiosa che aveva intrapreso, che avrebbe potuto aiutare antiché ostacolare il nemico, spietato e crudele.
Lentamente scese dal cavallo, stremato ma con lo stesso atteggiamento altero e diero come spetta ad ogni Frisone di tale nome.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://la-fortezza.forumattivo.com
 
La fortezza
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» la fortezza william
» Lo zoo di Kaufman (n.596/597/598)
» La fortezza di Smirnoff (n.150/151/152)

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Fortezza :: Community :: Le Pergamene-
Andare verso: